.
Annunci online

Almalu


Diario


5 luglio 2007

La Torre di Babele con in cima un Cuore

Non c’è il paradiso. Ma un altro tipo di mistero. Una mescolanza altrettanto difficile di linguaggi è stata partorita da quelle voci che prima sembravano così simili alla mia, ma di cui adesso stento a comprendere il senso. Facile parlare senza essere me. Difficile per me condividere. Purtroppo adesso non posso essere la spalla. Piuttosto ho bisogno di una spalla. Ma le abitudini hanno radici profonde. E se cerchi di smuoverle, è più probabile causare una frana che creare un’estetica nuova. Come si fa a far cadere quelle scale e fermare quei lamenti?

Eppure ancora sorrido quando mi sveglio… ironico.

"AND TRUTH IS SUCH A FUNNY THING
WITH ALL THESE PEOPLE
KEEP ON TELLING ME
THEY KNOW WHATS BEST
AND WHAT TO BE FRIGHTENED OF
AND ALL THE REST ARE WRONG
THEY KNOW NOTHING ABOUT US

AND THOUGH THEY SAY ITS POSSIBLE TO ME
I DONT SEE HOW ITS PROBABLE
I SEE THE COURSE WERE ON
SPINNING FARTHER FROM WHAT I KNOW
ILL HOLD ON"

Così ascolto…




permalink | inviato da Almalu il 5/7/2007 alle 11:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Ufficio Mobbing
Home Sweet Home
Mi ricordo...
Geisha Training
Folletti

VAI A VEDERE

anonimoanomalo
attesa
blogodot
bambinaportoghese
califfa
chirano
crisalide
cuore
dedicato
dellaperdutabellezza
fairy
franz
g
inutile team
irlanda
istericaquantobasta
la_cassandra
libera sognatrice
marsellus
mia
napolino
nicu
ofyp
ombra
penny
raissa
reader
redturtle
sciuret
sospesanelvento
smisuratapreghiera
spazioperme
uic
yogurt


17.02.2007






Un'arancia sul tavolo
Il tuo vestito sul tappeto
E nel mio letto, tu
Dolce dono del presente
Frescura della notte
Calore della mia vita.


J. Prévert



Quelli che mi
lasciano
proprio senza fiato
sono i libri che quando
li hai finiti di leggere
e tutto quel che segue
vorresti che l'autore fosse
un tuo amico per la pelle
e poterlo chiamare al
telefono tutte le volte
che ti gira.

J.D. Salinger




Chiudo il tuo libro,

snodo le mie trecce,

o cuor selvaggio,

musico cuore… 

con la tua vita intera

sei nei miei canti

come un addio a me. 

Smarrivamo gli occhi negli stessi cieli,

meravigliati e violenti con stesso ritmo andavamo, 

liberi singhiozzando, senza mai vederci,

né mai saperci, con notturni occhi. 

Or nei tuoi canti

la tua vita intera

è come un addio a me. 

Cuor selvaggio,

musico cuore,

chiudo il tuo libro,
le mie trecce snodo.
 
(Sibilla Aleramo)





CERCA