.
Annunci online

Almalu


Diario


17 aprile 2008

Che meraviglia

Non mi interessa essere simpatica alla gente.  C’è stato un breve momento in cui è stato così, ma poi sono rinsavita. A primo acchito risulto antipatica e non troppo brillante. E la cosa assurda è che è qualcosa che io adoro. Perché così riesco ad evitare il tormento di gente che non avrei scelto.  Devono essere i capelli biondi  e l’attitudine un po’ goffa e svampita. Il fatto che sono di pochissime parole. Ascolto, per decidere se sceglierti oppure no.  Amo stare da sola. Penso di essere un’ottima compagnia per me stessa. Forse un po’ antipatica lo sono davvero. Che meraviglia. 






permalink | inviato da Almalu il 17/4/2008 alle 23:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Ufficio Mobbing
Home Sweet Home
Mi ricordo...
Geisha Training
Folletti

VAI A VEDERE

anonimoanomalo
attesa
blogodot
bambinaportoghese
califfa
chirano
crisalide
cuore
dedicato
dellaperdutabellezza
fairy
franz
g
inutile team
irlanda
istericaquantobasta
la_cassandra
libera sognatrice
marsellus
mia
napolino
nicu
ofyp
ombra
penny
raissa
reader
redturtle
sciuret
sospesanelvento
smisuratapreghiera
spazioperme
uic
yogurt


17.02.2007






Un'arancia sul tavolo
Il tuo vestito sul tappeto
E nel mio letto, tu
Dolce dono del presente
Frescura della notte
Calore della mia vita.


J. Prévert



Quelli che mi
lasciano
proprio senza fiato
sono i libri che quando
li hai finiti di leggere
e tutto quel che segue
vorresti che l'autore fosse
un tuo amico per la pelle
e poterlo chiamare al
telefono tutte le volte
che ti gira.

J.D. Salinger




Chiudo il tuo libro,

snodo le mie trecce,

o cuor selvaggio,

musico cuore… 

con la tua vita intera

sei nei miei canti

come un addio a me. 

Smarrivamo gli occhi negli stessi cieli,

meravigliati e violenti con stesso ritmo andavamo, 

liberi singhiozzando, senza mai vederci,

né mai saperci, con notturni occhi. 

Or nei tuoi canti

la tua vita intera

è come un addio a me. 

Cuor selvaggio,

musico cuore,

chiudo il tuo libro,
le mie trecce snodo.
 
(Sibilla Aleramo)





CERCA